Home » Una festa per il compleanno di Modigliani
Archivio

Una festa per il compleanno di Modigliani

Poggio Pratelli

Il 12 luglio di 133 anni fa a Livorno nasceva uno dei più grandi artisti di tutti i tempi: Amedeo Modigliani. Mercoledì prossimo la città festeggerà il suo compleanno con un evento culturale ideato e curato da Reset, con il patrocinio del Comune di Livorno e in collaborazione con l’Autorità Portuale.

Anche quest’anno la città si stringerà attorno ad Amedeo Modigliani per tutelare la sua immagine, con una serata ricca di eventi: è prevista l’esposizione di circa quaranta capolavori provenienti dalla collezione Carlo Pepi e da cinque gallerie storiche cittadine tradizionalmente legate ai macchiaioli e ai loro allievi.
La Sala Ferretti della Fortezza Vecchia ospiterà la tavola rotonda alla quale  parteciperanno le istituzioni del Comune di Livorno e di Autorità Portuale ed esperti d’arte come Vincenzo Farinella (docente di Storia dell’arte moderna all’Università di Pisa), Carlo Pepi (collezionista d’arte), Corrado La Fauci (docente di Storia dell’arte), Umberto Falchini (studioso di Storia dell’arte). Moderatrice Irene Carlotta Cicora, giornalista.

La serata proseguirà con interventi di Carlo Pepi e Dario Ballantini che saranno intervistati dal caporedattore del “Il Tirreno” Alessandro Guarducci.

Fin dal mattino (dalle ore 9) saranno presenti in Fortezza Vecchia molti pittori labronici che, en plein air, faranno ritratti alle modelle presenti. Non mancheranno esposizioni fotografiche legate a Modì (Modiglianizzati di Fabrizio Razzauti) e alla città di Livorno (scatti di Andrea Dani). Oltre a momenti di danza è previsto un laboratorio artistico gratuito per bambini dedicato a Modigliani curato dalla Casa Editrice Sillabe dal titolo “Autoritratto in stile Modì” che prevede un premio per l’autoritratto più votato. Ci sarà un tutorial di disegno per bambini e la proiezione del cartone animato “Amedeo Modigliani” della serie TV “L’arte con Matì e Dadà”.

Chiuderà la serata Michele Crestacci con il monologo “Ecco chi era Dedo”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi