Home » I Medicei tornano alla vittoria in trasferta
Good News

I Medicei tornano alla vittoria in trasferta

Poggio Pratelli

La Toscana Aeroporti I Medicei torna a vincere e a convincere. Si rivede la solidità difensiva e il gioco dinamico – nonostante il maltempo – e contro la Cavalieri Unione Prato-Sesto si incassa la 5a vittoria in campionato. Gli uomini di Presutti e Martin risalgono così alla seconda posizione in classifica ad un punto dall’Accademia Francescato che ha battuto in casa la Pro Recco.

Se all’andata il dominio dei gigliati sulle fonti di gioco statiche, mischia e touche, aveva marcato un solco tra le due formazioni, quella di ieri è stata una sfida molto più combattuta tra i due pack. Le fonti di gioco privilegiate dei fiorentini sono diventate i recuperi e i contrattacchi sui calci di spostamento. Questi, molto spesso, unica opzione di attacco permessa dall’asfissiante difesa fiorentina ai sesto-pratesi, in evidenza Ippolito e Broglia. La differenza l’ha fatta poi la volontà e l’abilita di tutta la squadra nel muovere la palla con continuità anche sotto la pioggia battente.

Le belle mete arrivate nell’estenuante ricerca di spazi – vedi il break di Cerioni – e spesso in bandierina – come quelle di Masera, Boccardo, Broglia e la prima dopo 2’ di gioco di Citi – dimostrano la forza della squadra nel sapere stretchare la difesa avversaria per trovare varchi. Il resto lo ha fatto il direttore d’orchestra Newton, affiancato da un ottimo Taddei a mediano di mischia, che sia in attacco che in difesa ha sempre trovato soluzioni scomode per gli avversari anche nei momenti di maggior pressione dei padroni di casa.

Le dichiarazioni di coach Presutti a fine match: «Abbiamo fatto una buona gara, soprattutto abbiamo affrontato nella maniera giusta i primi venti minuti e abbiamo raggiunto gli obbiettivi che ci eravamo prefissati. Avevo detto ai ragazzi di star tranquilli, di giocare, di non pensare al meteo o alle condizioni del terreno, di fare quello che sanno fare. Loro sono bravi nel saper fare le cose semplici. Oggi era difficile giocare e noi siamo stati bravi proprio in questo. Con i piedi di Newton abbiamo guadagnato terreno e le prime occasioni che ci sono capitate le abbiamo sfruttate. Naturalmente, giocare fuori casa e dopo due minuti andare in meta, di sicuro aumenta l’autostima, aumenta la voglia, e tutto diventa più facile.

Ora ci sarà la sosta (per i test match della Nazionale – ndr) e recupereremo gli infortunati. Oggi non abbiamo voluto rischiar nessuno, abbiamo fatto quasi tutti i cambi. Certo, c’è sempre da lavorare e non dormire sonni tranquilli, però la strada che abbiamo intrapreso sembra quella giusta e cerchiamo di percorrerla nel migliore dei modi. Ai ragazzi ho detto “bravi!”. Abbiamo aperto una bottiglia di prosecco gentilmente offertaci dal nostro dirigente Mario Ravagioli e siamo contenti.»

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi