Home » Teatro Niccolini, Sulla scia dei giorni
Archivio

Teatro Niccolini, Sulla scia dei giorni

Poggio Pratelli

E’ con Monsignor Timothy Verdon e col Professor Carlo Sisi il quarto appuntamento (sabato 19 novembre, ore 10.30 – Teatro Niccolini – Ingresso libero) dei nove incontri per riflettere su uno dei grandi temi del nostro tempo: il limite. Il ciclo, intitolato “Sulla scia dei giorni. Dialoghi sul limite”, è stato ideato e promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e da File – Fondazione Italiana di Leniterapia Onlus e prosegue fino a marzo. Il tema dell’incontro è ‘La raffigurazione della morte nelle arti figurative’ ed è introdotto dall’Avvocato Franco Lucchesi, Presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore.

I nove appuntamenti, spiegano gli organizzatori, vogliono coinvolgere tutta la cittadinanza per approfondire un tema controverso e sfaccettato, il limite, un confine che l’umanità da sempre cerca di sfidare e oltrepassare, attraverso numerosi punti di vista autorevoli – ognuno per il proprio ambito di competenza – che coinvolgono saperi e scienze anche molto differenti tra loro. La società del nostro tempo ha dimenticato la finitezza umana, l’invecchiare, le perdite, il dolore, quei limiti che la vita impone. Pertanto, una riflessione sul limite si rende necessaria: per riscoprire i valori ancor validi del nostro passato, per vivere un presente in cui anche il limite e l’incertezza, vissuti nel qui e ora, possano essere inclusi ed accettati come parte della vita.

Monsignor Timothy Verdon è nato nel New Jersey nel 1946 ed è uno storico dell’arte formatosi alla Yale University. Vive in Italia da più di 50 anni e dal 1994 è sacerdote a Firenze, dove dirige l’ Ufficio Diocesano dell’Arte Sacra e dei Beni Culturali Ecclesiastici e il Museo dell’Opera del Duomo. Coordinatore di convegni internazionali su argomenti relativi all’arte religiosa, è autore di libri e articoli in inglese e in italiano. È Canonico del Duomo ed è stato Consultore della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e Fellow della Harvard University Center for Italian Renaissance Studies (Villa I Tatti). Attualmente insegna alla Stanford University (sezione fiorentina). Scrive per la pagina culturale dell‘Osservatore Romano e tra il Errore. Riferimento a collegamento ipertestuale non valido. ha ideato ed organizzato mostre d’arte a Torino, Firenze, Seul, Washington, D.C., e New York.

Carlo Sisi è stato direttore, sino al 2006, della Galleria d’ Arte Moderna e della Galleria del Costume di Palazzo Pitti a Firenze, ove parallelamente all’attività di conservatore si è impegnato a promuovere, con mostre e altre iniziative, la conoscenza dell’arte dell’Ottocento e del Novecento. Di entrambe le Gallerie ha curato l’intero riallestimento con l’edizione del catalogo generale. E’ stato presidente del Museo Marino Marini ed è attualmente membro del Consiglio scientifico del Centro Pecci per l’Arte Contemporanea di Prato e del MART di Rovereto. E’ studioso in particolare dell’ arte italiana ed europea del XIX secolo a cui ha dedicato volumi e saggi di carattere interdisciplinare e ha organizzato mostre sul tema in Italia e all’estero. E’ consigluiere della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze

Per informazioni (ingresso libero fino ad esaurimento posti): 055.5384348 – sullasciadeigiorni@entecrf.it

PROGRAMMA DEGLI INCONTRI
Sabato 10 dicembre 2016, ore 10.30
Marco Paolini
Incertezze digitali
introduce Maurizio Naldini

Sabato 17 dicembre 2016, ore 10.30
Moni Ovadia
La memoria collettiva e individuale
introduce Massimo Livi Bacci
Sabato 21 gennaio 2017, ore 10.30
P. Bernardo Gianni
Spiritualità e limite
introduce Pierluigi Rossi Ferrini

Sabato 4 febbraio 2017, ore 10.30
Massimo Recalcati
I giovani e la sfida al limite
introduce Mariella Orsi

Sabato 18 marzo 2017, ore 10.30
Dacia Maraini
La donna di fronte al limite. L’esperienza di una scrittrice
introduce Donatella Carmi Bartolozzi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi