Home » Vinitaly 2016, la Toscana da bere
Gusto

Vinitaly 2016, la Toscana da bere

Poggio Pratelli

In crescita buyer e affari, con visitatori sempre più qualificati, il Vinitaly 2016 si è concluso ieri con 130mila operatori da 140 nazioni  ha visto superare lo storico record di 100mila metri quadrati netti espositivi, prima rassegna al mondo per superficie con più 4.100 espositori da più di 30 Paesi.

«L’obiettivo era quello di dare un segnale chiaro alle aziende espositrici e ai visitatori, per fare in modo che la 50ª edizione di Vinitaly fosse quella che proiettava la rassegna nei prossimi cinquant’anni – commenta il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese –. L’aver saputo mantenere la parola data e creare un format che ha soddisfatto in pieno le attese, sia per il wine business in fiera sia per il wine festival in città, con una edizione di Vinitaly and the City dai grandi numeri, è motivo di orgoglio e di impegno per migliorare ulteriormente il prossimo anno».

justbeautiful_vinitaly_toscana_5

Molti  i riconoscimenti pe i vini Toscani, pronti a conquistare nuovi spazi nella commercializzazione, le parole d’ordine sono alta qualità e tradizione. Nel 2016 sono 50 anni per il Vinitaly ma anche per DOC del Vino Nobile di Montepulciano, uno dei vini più antichi d’italia.

Il Consorzio del Vino Chianti dedica una stand ad un classico della tradizione Toscana il Vino Santo, vino dolce toscano. Tra gli aneddoti si di ricorda quello di un frate francescano che nel 1348 curava le vittime della peste con un vino che era comunemente usato dai confratelli per celebrare messa; subito si diffuse la convinzione che tale vino avesse proprietà miracolose, portandogli l’epiteto santo.

Tanti i giovani sempre più attratti dalle eccellenze toscane, tra i visitatori ma anche tra i produttori, il cambio generazionale di quest’ultimi tramette idee e nuova linfa ai brand della Toscana.

La riscoperta di vecchi vitigni autoctoni si lega all’innovazione ed al territorio, segnando nuovi percorsi per i vini toscani.

Le aziende ed i consorzi visitati durante il nostro reportage:

Consorzio del Vino Chianti Classico

Consorzio del Brunello di Montalcino

Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano

Consorzio del Vino Chianti

Azienda Agricola San Giorgio a Lapi – Siena

Azienda Agricola La Querce – Impruneta – Firenze

Azienda Agricola Fanti – Montalcino – Siena

Azienda Agricola Donatella Cinelli Colombini – Montalcino – Siena

Azienda Agricola Villa Vetrice – Rufina – Firenze

Azienda Agricola La Regola – Pisa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi